Irrinunciabile per ottenere un make up perfetto, il blush non può assolutamente mancare nella preparazione del trucco. Ideale per donare colore al viso, è indicato per conferire un aspetto fresco e sano e far apparire la pelle liscia e levigata.

Tipi di blush

Esistono diversi tipi di blush e le modalità di applicazione variano proprio in base alla tipologia. In commercio ne esistono di diverse tipologie ma i più utilizzati sono in assoluto i compatti, in polvere, in crema, liquidi e in stick. Ecco come applicarli!

Compatto

Il blush compatto è quello più diffuso e va scelto in base alla tipologia di pelle. Per stenderlo in maniera impeccabile occorre utilizzare un pennello per poter sfumare la polvere sul viso senza produrre macchie di colore. Il pennello ideale è quello di media larghezza, con setole morbide e non troppo fitte, perfette per dare al blush una sfumatura morbida e naturale.

Polvere

Quello in polvere si applica eseguendo dei movimenti circolari sulle guance, ma è necessario abbinarlo ad un fondotinta in polvere o a un fondotinta liquido che deve essere fissato con della cipria per consentire al pennello di agire con delicatezza sulla pelle colorandola in maniera omogenea.

In crema

Cremoso e veloce da applicare, il blush in crema va scaldato prima sul dorso della mano per renderlo più facile da sfumare. Poi proseguire picchiettando il blush con i polpastrelli sulle gote e sfumandolo sugli zigomi con delicatezza.

Liquido

Quello liquido va applicato in piccolissime quantità con i polpastrelli e picchettato in maniera rapida ed omogenea sulle gote per ottenere un effetto naturale. Questo prodotto è adatto a tutti i tipi di pelle per la sua leggera texture.

In stick

Pratico da applicare, va applicato mettendone qualche goccia sulle gote e sfumando con i polpastrelli o con un pennello a setole sintetiche. Ideale per pelli normali e secche.

 

CONDIVIDI