Torna in auge il trucco anni 90′, caratterizzato da colori scuri su occhi e labbra e definito grunge perché spesso sbavato e poco curato. Il termine grunge infatti deriva dall’aggettivo Grungy che vuol dire sporco, per cui il look di quegli anni apparentemente è trascurato. Ideale da abbinare alla moda del momento che predilige giubbini in pelle, camicie a quadri e anfibi con borchie, ecco come realizzare un trucco anni ’90!

Trucco anni 90 caratteristiche

Per realizzare un trucco anni ’90, a cominciare dalla base, possiamo dire che non dobbiamo preoccuparci troppo di nascondere le imperfezioni: infatti, basta scegliere un fondotinta preferito, possibilmente dalla resa opaca, per stenderlo sul viso. Se lo desideriamo, possiamo un leggero contouring per mettere in risalto gli zigomi: per farlo basta la terra e poi da completare con il blush semplice. La caratteristica del trucco anni ’90 è il trucco degli occhi che non passa sicuramente inosservato: per farlo basta tracciare una riga spessa di eyeliner nella palpebra e la matita nera sulla parte inferiore. L’ombretto va sfumato in precedenza e possono essere utilizzati i matitoni o gli ombretti in crema. Immancabile è il mascara, da mettere a volontà per illuminare lo sguardo. Come abbiamo visto, lo stile grunge usa pochi prodotti: matita nera, eyeliner, fondotinta e rossetto.

Nessuna precisione nella stesura dei prodotti

Questo trucco non va mai curato nei dettagli e quindi ogni prodotto utilizzato va sfumato in maniera irregolare, senza seguire nessuna regola. Anche le sopracciglia non necessitano di cure particolari e vanno riempite con matita o ombretto senza tratti precisi. Il rossetto privilegiato è quello rosso intenso o rosso rubino e va picchiettato direttamente sulla bocca con le dita. Non occorre abilità o troppo tempo per creare un make up grunge e chiunque può farlo magari guardando una delle icone del tempo, Courtney Love!

CONDIVIDI