Identificare correttamente le diverse caratteristiche dei nostri occhi (morfologia degli occhi) ci permette di poter poi personalizzare il trucco, riuscendo a valorizzare i pregi e minimizzare i difetti. Ecco i semplici procedimenti da seguire per riconoscere la forma dei tuoi occhi, la loro posizione reciproca e la loro dimensione!

Quel che occorre è solamente uno specchio, una stanza bene illuminata e un po’ di tempo a disposizione.

Morfologia degli occhi: riconoscerli davanti allo specchio

Per prima cosa, osservane uno solo da vicino, magari usando uno specchio ingranditore. Cerca di capire se la palpebra mobile forma una piega sopra l’occhio; se quando è aperto non c’è nessuna piega, allora l’occhio è di forma orientale. Se la piega c’è, ma guardandovi frontalmente si nasconde sotto la parte superiore della palpebra o l’osso delle sopracciglia, i vostri occhi sono “incappucciati”, ossia incastonati nell’osso oculare.

Se invece la palpebra forma una piega ben visibile, passiamo a una seconda caratteristica che permette di classificare gli occhi. Immaginate una linea orizzontale che attraversa tutto il vostro occhio: la parte finale si trova al di sopra o al di sotto della linea? Se è al di sopra, avete gli occhi all’insù; se è al di sotto, avete gli occhi all’ingiù.

Infine, osservate attentamente il vostro occhio aperto normalmente: vedete del bianco al di sotto dell’iride? Se sì, i vostri occhi sono rotondi; se no, avete gli occhi “normali”, o a mandorla (anche se questa definizione viene usata in Italia anche per identificare gli occhi orientali).

Morfologia degli occhi: la posizione

Passiamo adesso alla posizione degli occhi. Stavolta, ci osserveremo da più lontano, in uno specchio più grande e comunque senza l’effetto ingranditore. L’importante è riuscire ad osservare entrambi gli occhi contemporaneamente. Se la distanza che intercorre tra i due occhi è uguale alla dimensione di un bulbo oculare, gli occhi sono equidistanti; se la distanza è più breve, avrai gli occhi ravvicinati; se la distanza è maggiore della dimensione di uno dei tuoi occhi, avrai gli occhi distanti.

Anche la profondità degli occhi è una variabile che ne cambia moltissimo l’aspetto: gli occhi infossati sono caratterizzati da bulbi oculari che sembrano posizionati a fondo nelle orbite, e le palpebre sembrano piccole e corte; gli occhi sporgenti, invece, come suggerisce il nome sembrano sporgere al di fuori delle orbite.

Morfologia degli occhi: l’aspetto

Veniamo ora all’ultima caratteristica che possiamo valutare, quando si tratta dell’aspetto dell’occhio: la dimensione. Per farlo, bisogna osservare tutto il viso nel suo insieme, e in particolare tenere ben presenti le dimensioni approssimative di bocca e naso per fare un paragone con quelle degli occhi. Questi ultimi, infatti, possono essere normali se hanno dimensioni simili o leggermente minori a quelle di naso e bocca; gli occhi grandi sono molto più grandi di naso e bocca, mentre quelli piccoli sono più piccoli di questi punti di riferimento.

Identificare la forma degli occhi è un procedimento apparentemente complicato, leggendo tutte queste possibili varianti; ma mettendosi davanti ad uno specchio con un po’ di calma, e seguendo i passaggi uno dopo l’altro, non avrete problemi a identificare correttamente le caratteristiche principali dei vostri occhi, in modo da poterli poi truccare nel miglior modo possibile.

CONDIVIDI