Ogni volta in cui realizziamo dei make up sono tante le accortezze a cui bisognerebbe far caso. Tra queste, ci sono sicuramente i tipi di prodotti che andremo a utilizzare per il make up e la tipologia di pennelli con i quali applicarli sul nostro volto che, sappiamo, sono varie.
Un passaggio fondamentale, però, non riguarda ciò che si utilizza… ma come lo si utilizza!
Parliamo dell’importanza della pulizia dei pennelli e degli stessi!

L’importanza della pulizia dei pennelli prima di realizzare un make up…

La pulizia dei pennelli non viene effettuata da tutti, anzi, forse ancora troppe poche persone la fanno. Eppure è un passaggio fondamentale per due motivi principali: il primo riguarda la buona riuscita del make up.
Sui pennelli, infatti, si depositano tracce di trucco utilizzato in precedenza, ed effettuare un buon make up con lo sporco lasciato dai precedenti non è sicuramente una grande mossa per la nostra bellezza! Inoltre applicare ad esempio un fondotinta con un pennello con ancora residui di prodotto risulterà difficile proprio perché il risultato sarà poco omogeneo e tutto questo vi porterà anche ad una perdita di tempo nella realizzazione del make up.
Il secondo motivo, quello ancora più importante, riguarda l’igiene!
Sui pennelli, oltre a depositarsi tracce di trucco, vanno a depositarsi anche i batteri, il sebo e gli oli naturali della nostra pelle. Per questo, utilizzando i pennelli sporchi, determinate sostanze andranno a depositarsi sulla nostra pelle pulita e ad inserirsi nei pori ottenendo così effetti indesiderati come ad esempio i brufoli e i punti neri dati dai pori occlusi.

In caso aveste un tipo di pelle molto delicato, il discorso si fa ancora più importante proprio perché i pennelli a quel punto diventano degli strumenti che, se usati nel modo sbagliato, potrebbero danneggiarvi anche attraverso graffi e grossi sfoghi della pelle.
Lavare i pennelli, infatti, permette alle setole di mantenere la loro morbidezza oltre che igiene.

Importanza della pulizia dei pennelli: come si effettua e ogni quanto tempo?

Le tempistiche dipendono sicuramente molto dalla frequenza con cui li utilizzate e dal tipo di setole che hanno i vostri pennelli.
Quelle sintetiche, ad esempio, vanno lavare più spesso rispetto a quelle naturali.
Il metodo è molto facile.
Esistono ovviamente strumenti appositi che facilitano l’operazione anche in relazione al tempo, ma il “fai da te” è sicuramente applicabile!
Vi basteranno dell’acqua tiepida e un sapone delicato. Bagnate il vostro pennello senza lasciare per troppo tempo l’acqua sull’attaccatura delle setole perché a lungo andare potrebbero scollarsi. Dopodiché massaggiate con del sapone e risciacquate abbondantemente.
L’asciugatura è un passaggio fondamentale per la riuscita di questo processo!
Infatti non dovete ricorrere a phon e fonti di calori eccessive perché andreste a rovinare il tutto. Dovete avere pazienza e aspettare che il pennello si asciughi naturalmente dopo aver schiacciato delicatamente le setole e averlo lasciato su qualsiasi ripiano all’aria naturale.
Infine, un’ultima accortezza è sicuramente quella di conservare accuratamente i pennelli e il gioco è fatto!

CONDIVIDI