L’ambra è una resina fossile proveniente dalle conifere, mineralizzatasi nel corso di centinaia e centinaia di anni. L’etimologia del nome è molto antica e sembra derivare dal turco “ambar”, che significa “splendore, luccichio”, come d’altronde suggerisce il bel colore dorato che caratterizza la maggior parte di queste pietre. Si tratta di una delle più antiche pietre preziose, usata per adornare monili di ogni genere già nell’antico Egitto; i Greci la chiamavano “elektron”, e da questo nome deriva “elettricità”: questo perché una delle molte proprietà di questa pietra è quella di elettrizzarsi per strofinio.

Ambra: un po’ di storia

Già nei tempi antichi all’ambra venivano riconosciute diverse proprietà terapeutiche: a causa degli insetti che spesso si trovavano intrappolati nell’ambra, questa pietra veniva usata per incastonarla nei monili e negli amuleti portafortuna dei cacciatori, per augurare loro di trovare tante prede; presso alcune culture l’ambra era addirittura sacra, considerata una portatrice di vita a causa del fatto che al tatto questa pietra risulta calda, e non gelida come le altre pietre preziose; inoltre, l’ambra è uno dei sette tesori all’interno della religione buddista, che la collega alla virtù della saggezza.

Ambra: i benefici

Si ritiene che l’ambra sia dotata del potere di aiutare l’organismo a disintossicarsi, a combattere asma e allergie, e anche del potere di combattere reumatismi ed artrite grazie alle sue doti antidolorifiche. A livello mentale, questa pietra porta equilibrio, riduce lo stress e aiuta ad affrontare le proprie paure; i cristalloterapeuti inoltre sottolineano come l’ambra sia utile per allontanare la depressione ed imparare ad avere una visione positiva della vita; inoltre l’ambra sembra avere effetti positivi sulla nostra predisposizione mentale ad avventurarci verso nuove scoperte, su sentieri prima inesplorati.

Ambra: fortifica anima e spirito

Ma non solo: l’ambra ha anche delle proprietà benefiche per il nostro spirito, perché grazie alla sua qualità di pietra collegata all’elemento fuoco può essere usata per la guarigione dello spirito, per ripulire la propria aura ed eliminare la negatività di energie stagnanti. Inoltre, antiche culture asiatiche ritenevano l’ambra una materializzazione dell’anima della tigre, e dunque la consideravano la pietra del coraggio. Altre credenze, come dicevamo prima, collegano l’ambra alla saggezza: e non c’è dubbio che un uomo che possegga sia coraggio sia saggezza abbia un grande potere in sé. A livello di poteri metafisici, si ritiene che l’ambra possa aiutare a cancellare la memoria di una persona, ma anche che renda più forti e duraturi i legami familiari; inoltre, pare che l’ambra possa aiutare le persone a trovare la propria anima gemella. Il colore dorato, inoltre, richiama la ricchezza: per questo alcune persone se ne fanno un amuleto da tenere nel portafogli, in modo da attirare denaro.

Ambra e pelle

Si tratta di una pietra dalle energie gentili, che andrebbe sempre tenuta a contatto con la pelle per ricavarne i maggiori benefici possibili: pertanto i cristalloterapeuti raccomandano non di acquistare un’ambra da tenere su una mensola come soprammobile, ma piuttosto di trovare un bel ciondolo da tenere sempre al collo, in modo da farlo stare a contatto con la pelle, oppure di ricavarne un monile di altro tipo, purché lo si possa indossare a lungo. L’unica accortezza è quella di assicurarsi di stare acquistando effettivamente un’ambra vera, dato che sul mercato si trovano spesso delle contraffazioni.

CONDIVIDI